Un nuovo inizio: le tendenze tessuti del 2019

crop - Un nuovo inizio: le tendenze tessuti del 2019
(Photo: Ansa.it)

Il 2019 è ufficialmente iniziato. Cosa aspettarsi da questo nuovo anno? Cosa ci attende dopo aver chiuso la porta del 2018 alle nostre spalle?

Sarà certamente un’annata di innovazione e contaminazione, per quanto riguarda la fashion industry. La parola chiave? Sostenibilità.

Con 400.000 addetti e 47.000 aziende, l’Italia è attualmente il secondo esportatore mondiale di articoli di abbigliamento. Con questi numeri e l’importanza da sempre rivestita dal settore tessile del made in Italy, è fondamentale per chi opera nel business del fashion ascoltare le esigenze del cliente e assicurarsi di rimanere in linea con i cambiamenti sociali e le necessità del pubblico.

Non è un caso infatti se all’edizione 2018 di Milano Unica, rassegna internazionale di tessuti che rappresenta una vera guida per tutto il settore abbigliamento, per la prima volta è stata allestita un’area esclusiva dedicata unicamente a prodotti certificati ecosostenibili.
La sostenibilità infatti sta diventando una scelta concreta e largamente diffusa, che parte da una base di coscienza personale ma anche di consapevolezza dei diversi step della produzione industriale. Le richieste di un mercato sempre più sensibile a tematiche come i consumi e il rispetto del pianeta, hanno portato le aziende ad abbracciare una gestione ecocompatibile che pone al primo posto le materie prime e le risorse energetiche.

grafica bio - Un nuovo inizio: le tendenze tessuti del 2019
(Photo: Milano Unica – 26^ edizione)

Un campo in cui il business della moda evidenza la decisa sterzata verso la sostenibilità è ovviamente quello dei tessuti, che nel 2019 porteranno aria di sperimentazione, contaminazione e rinnovato amore per la natura e la sua purezza.

Il cotone, per esempio, che rappresenta la fibra più utilizzata in campo tessile dopo il poliestere, viene ora sostituito da molti dei grandi brand con il cotone biologico certificato. Quest’ultimo, in grado di ridurre del 75% l’impatto ambientale rispetto al cotone tradizionale, elimina ogni utilizzo di pesticidi ed erbicidi usati per la coltivazione e garantisce la sostenibilità delle coltivazioni.
Ma una buona alternativa al classico cotone saranno anche i materiali a base vegetale; troviamo quindi fibre semplici come lino, canapa e ortica, oppure derivati vegetali più complessi come il Lyocell, ricavato dalla cellulosa di legno e bambù e utilizzato anche dal brand Stella McCartney per la collaborazione con la ONG Canopy.

Via libera anche al nylon 100% “bio-based” derivato dal glucosio, o alle simil-pelli realizzate grazie all’utilizzo dei funghi lignei, oppure ancora a Seacell, una nuova fibra tessile naturale ricavata dalla cellulosa delle alghe marine che garantisce una naturale funzione antibatterica creando un senso di benessere.

canepa02 - Un nuovo inizio: le tendenze tessuti del 2019
(Photo: www.canepa.it)

Ma oltre alla sostenibilità, un’altra grande tendenza attraverserà l’annata 2019: lo stile British.
L’anglomania è infatti il mood che permea le collezioni invernali di quest’anno: tessuti tartan, check e quadrettati domineranno le passerelle. I tessuti maschili di origine inglese la faranno da padrone, proponendo una scelta di stile che spazia dai valori cromatici neutri del pied-de-poule al look tradizionale (e punk allo stesso tempo) del tartan. Ma non mancano anche le classiche lavorazioni bouclé che, rivisitate con intrecci di colore più innovativi, consacrano il tweed come elemento chiave del guardaroba 2019.

tartan - Un nuovo inizio: le tendenze tessuti del 2019
(Photo: Magazine Horse)

Gli altri tessuti protagonisti del nuovo anno?
Troviamo il bonded jersey, tessuto stratificato dall’aspetto corposo, caratterizzato da superfici morbide e spazzolate che gli donano contrasti materici.
Presente in molte collezioni anche l’eyelet lace (il pizzo con occhielli) di derivazione inglese, reinterpretato con motivi floreali o geometrici più moderni e stagionali.

Di grande tendenza saranno anche i tessuti dall’aspetto scivolato e liquido, caratterizzati da finiture lucide e brillanti. Se applicati a colori pastello (come il verde menta, il rosa chiaro o il lilla) questi tessuti assumono un aspetto quasi metallico, adatto ai look dalle linee pulite.

Ma il 2018 lascia la sua traccia su questo nuovo anno: sono infatti riconfermate le tendenze principali dell’anno passato, come ad esempio i capi con paillettes all-over e i tessuti lurex e metallizzati, oppure le contaminazioni tra activewear e alta moda che prevedono utilizzo di materiali tecnici, performanti e traspiranti.

metallic - Un nuovo inizio: le tendenze tessuti del 2019
(Photo: Imaxtree)

Insomma, sarà un anno di grande sperimentazione e innovazione, nella direzione di un inedito tipo di moda che risponde ad un nuovo tipo di pubblico, più informato e cosciente rispetto a ciò che lo circonda.
La parola chiave del 2019 sarà “trasparenza”. Quella che i brand più affermati dovranno dimostrare per assicurare al cliente capi al passo coi tempi e con le necessità di un pianeta che ha sempre più bisogno di essere tutelato.

Crea la tua linea di moda!

Siamo la prima trend library tutta italiana che ti offre una panoramica dettagliata delle prossime tendenze fashion.
Iscriviti ora