Mondo influencer: crescita, personalità e tante opportunità

screen - Mondo influencer: crescita, personalità e tante opportunità
È passato molto tempo dal 2003 quando nacque My Space, uno dei primi social media a permettere la personalizzazione grafica del proprio account e lo share di musica e video.

Da quel momento sono cambiate molte cose. È arrivato Zuckemberg che tra le mura di Harvard ha ideato Facebook, poi è stato il turno di Youtube e infine nel 2006 è nato il microblogging di Twitter.

I social network hanno stravolto le nostre esistenze e ci hanno fatto sentire protagonisti in tutto. Degli autori talentuosi, dei musicisti curiosi o semplicemente delle persone alla ricerca di nuove avventure.

Delle vere telecamere e macchine fotografiche puntate 24/7 su noi, i nostri familiari e sul nostro lavoro. La nostra vita è dietro una parete di cristallo e tutti, grazie ai social media, possono vederla, commentarla e proporla in giro come a dire: “Ehi ma che spettacolo!”.

Grazie a questa estrema visibilità sono nate delle nuove figure professionali e una di queste è quella degli influencer. Persone che seguono attentamente un brand, ne parlano e lo propongono in giro, spesso decretandone il successo o (in alcuni casi molto rari) il declino.

Vuoi scoprire di più sulla nascita e lo sviluppo di questa figura? Troverai tutte le informazioni che cerchi nel nostro articolo “Be Influencer”!

Secondo Jean Wang (nota influencer statunitense con oltre 500k di followers), gli influencer di oggi indossano più cappelli: sono editori, stilisti, fotografi, esperti in post-produzione, scrittori e a volte anche esperti contabili. Più talenti in una sola figura professionale che oggi sta conquistando il pianeta moda -e non solo.

Jean afferma che il segreto per essere dei top influencer è quello di creare connessioni costanti con la propria rete/community e dichiara: “Devi avere un ottimo livello di fiducia con il tuo pubblico. Loro desiderano sapere ciò che tu consigli e soprattutto se è qualcosa che usi e ami”.

Connessioni, relazioni, talento e ottime skill sono i magici ingredienti di un top influencer, ma raggiungere quelle vette è davvero difficile e spesso ci si domanda se sia ancora possibile farsi notare dopo l’avvento di figure del calibro di Chiara Ferragni, Arielle Charnas e Aimee Song.

aimeesong - Mondo influencer: crescita, personalità e tante opportunità
(Profilo Instagram dell’influencer Aimee Song)

Secondo le parole di Yuli Ziv (che ha lanciato nel 2008 una piattaforma di influencer marketing chiamata “Style Coalition”): “Le persone seguono differenti cose e differenti persone allo stesso tempo. Questo ci propone uno scenario inaspettato, più correnti da seguire, più identità e stili diversi”.

Ma che cosa spinge un’azienda a scegliere proprio quell’influencer rispetto a un altro? Quali metri di giudizio vengono usati? E a quali domande devono rispondere? Vediamole insieme:

-Che impatto mediatico hanno?
-Qual è il loro livello di engagement?
-Quali contenuti e tono di voce utilizza?
-Ha delle partnership attive? Se sì, con chi? (quali brand e soprattutto è importante capire se l’influencer selezionato lavora già con dei concorrenti).

Ma ottenere un ingaggio da una grande azienda come Dior, Gucci o Armani è davvero difficile, perché la concorrenza è agguerrita e per molti il mercato è saturo.
Ci sarà mai posto per delle figure nuove? Che cosa serve per spiccare in alto, per raggiungere quelle vette?

Noi consigliamo una ricetta apparentemente semplice: personalità, ideare dei contenuti inediti, proporre qualcosa in un modo nuovo, essere riconoscibili e soprattutto creare un immaginario in cui perdersi.
influ - Mondo influencer: crescita, personalità e tante opportunità
Il dato positivo è che il mondo degli influencer è in costante crescita. Così dichiara Brittany Hennessy, esperta di influencer marketing e recruiter di talenti per la Hearst Digital: “Non c’è una carenza di influencer da seguire, tutto questo universo è in crescita e c’è una stanza libera per della gente nuova”. Poi continua dicendo: “Anche se abbiamo i top influencer che continuano ad espandersi, questi si sposteranno sempre più in alto e lasceranno lo spazio a chi si trova immediatamente di sotto”.

Abbiamo dunque di fronte una scala, e ogni gradino sembra essere occupato dagli influencer.

A chi sogna di essere la nuova Ferragni diciamo: fatevi coraggio e tentate la sorte. Invece, per tutte quelle aziende che sono ancora in dubbio se utilizzare o meno un influencer, sappiano che se non lo fanno perderanno una grossa opportunità e la possibilità di conoscere un pubblico che magari prima non avevano neanche notato.

 

Crea la tua linea di moda!

Siamo la prima trend library tutta italiana che ti offre una panoramica dettagliata delle prossime tendenze fashion.
Se ti iscrivi subito, potrai usufruire di una prova gratuita di 24 ore.
Inizia la prova gratuita