Mood: #Coachella

I festival e la nascita della quinta stagione

(Photo: Coachella 2018)

Si spalancano le porte della primavera e si comincia a parlare di festival. E qual è il festival più blasonato ed esclusivo degli ultimi anni?
La risposta è in una semplice parola: Coachella.

Il Coachella Valley Music & Art Festival è ormai diventato, anno dopo anno, l’evento musicale (e non solo) più atteso e chiacchierato del mondo.
Ma dove è nato? E cosa lo ha reso così imperdibile, nel corso degli anni?

La prima edizione risale al 1999, anno in cui l’affluenza fu scarsa e portò a pensare a un inizio non ottimale.
Nel 2001 però il festival viene riproposto con una nuova organizzazione e da lì inizia la sua scalata verso un successo mondiale che richiama ogni anno milioni di persone negli Empire Polo Fields di Indio, in California.

L’ambiente desertico caratteristico dei paesaggi californiani non è nuovo a installazioni artistiche stranianti, in linea coi colori neon e brillanti che dipingeranno l’estate 2019. Mai sentito parlare di neon-art? Noi ne abbiamo parlato qui.

Negli anni il festival si è evoluto, facendo un netto ed evidente salto da semplice evento musicale a punto nevralgico d’incontro tra influencer, blogger, IT-girls e star di tutto il mondo.

La musica (passata da un’iniziale genere alternativo a uno più pop e commerciale) non è più il cuore della manifestazione, che si è tramutata invece nella sede prescelta di party esclusivi e raduni fashion di grande risonanza (basti pensare a Levi’s o Revolve): una grande vetrina a cielo aperto che mescola moda, arte e lifestyle.

Ma non sono solo i migliori brand internazionali a sfruttare l’esposizione mediatica del Coachella.
Il festival stesso è infatti diventato un verso e proprio marchio, con una presenza sui social che conta quasi 4milioni di post contenenti l’hashtag #coachella.

(Photo: Getty)

Con la partecipazione oramai fissa di IT-girls e fashion influencer dal seguito internazionale, non stupisce affatto che il festival sia diventato nel corso del tempo un evento chiave nel panorama della moda, dando vita a un vero e proprio stile a sé stante: un ibrido tra il bohémien, l’indie-chic e le reminiscenze hippie dei tempi di Woodstock.

Il potere che il Coachella esercita all’interno del mondo fashion, ha raggiunto vette così elevate che per descriverlo appieno è stato coniato il termine “quinta stagione”.

Eh sì, perché oltre alle collezioni pre-fall e resort che intervallano le sfilate, si delinea coi festival un nuovo periodo, una nuova occasione per i designer per sfornare nuovi trend, carpirne altri, proporre al pubblico capsule speciali e mettere in primo piano i propri prodotti.

Scopriamo insieme quali sono i brand che per quest’anno hanno deciso di inserirsi nel “festival mood”, proponendo qualcosa che parli di divertimento, estate ed energia giovane.

Chuck ’70 Collection

Converse ci trascina in quel mood nostalgico leggermente anni ’90 che si percepisce in molti capi della moda attuale, proponendoci una nuova versione delle sue classiche ed intramontabili Chuck Taylor All-Stars.

Lo stile della collezione rimanda agli anni ’70 con nuove e vibranti tonalità pastello caratterizzate dall’effetto tie-dye, capace di donare alle scarpe un effetto “used” e slavato, adatto per un look psichedelico da festival.

(Photo: American Apparel)

American Apparel S/S 2019 Denim Collection

I jeans di American Apparel, quasi un culto per i veri fashion addicted, tornano nei negozi con la stessa perfetta vestibilità che li ha sempre contraddistinti.
Ma tornano con qualcosa di nuovo.

I modelli uomo e donna si tingono di nuovi lavaggi, come il “Rainbow wash” e il “Pink Tinted Wash”, che donano al denim un effetto vintage dalle tonalità pastellate.
Ma non è un caso se, proprio in questo periodo, sul sito del marchio fa la sua comparsa un’intera sezione dal titolo “Festival”. La collezione, presentata con una campagna fotografica che ritrae scenari desertici e californiani in tutto e per tutto simili a quelli che ospitano il Coachella, propone look allegri, estivi, eccentrici, perfetti per un mood festaiolo e spensierato.


Capsule “Trippy” by Off-White

Anche Off-White, brand di streetwear amatissimo dalle star e fondato da Virgil Abloh, lancia una capsule collection che si inserisce perfettamente nel contesto giovanile dei festival.

La collezione, dal titolo “Trippy”, è caratterizzata da una palette sognante dal gusto vintage, connotata dalle nuances del rosa, del viola e del blu fuse armonicamente insieme con la tecnica tie-dye: una proposta perfetta per un’estate che si profila dominata dai colori pastellati, elettrici e fluo.

(Photo: Chanel Pharrell)

Chanel Pharrell

Dopo numerosi teaser e una lunga attesa, è ufficialmente arrivata nei negozi la collezione disegnata dal rapper Pharrell Williams per la maison Chanel: prima capsule collection nella storia del brand.

Parola chiave? Gender-fluid. Un concetto che sembra inserirsi perfettamente nell’attualità, supportando i temi dell’accettazione del sé e dell’inclusione: argomenti molto cari ai Millenials.

T-shirt, felpe, scarpe graffiti-style, mocassini shock, occhiali pop: tutti capi adatti ad essere indossati indistintamente da uomini e da donne, accesi da colori vivaci ed energici che rispecchiano lo stile non solo dei giovani festivalieri ma anche dello stesso Pharrell.

I capi moderni e il gusto elettrico della capsule disegnata dal rapper ben rappresentano quella perfetta fusione tra alta moda e streetwear che da anni caratterizza il Coachella, portando alla luce nuovi trend e nuovi pezzi imperdibili in quella che è diventata una vera e propria vetrina sui costanti cambiamenti del mondo della moda.

Vuoi rimanere in contatto con noi?

All'interno troverai video, consigli e tendenze di moda a tua completa disposizione!