La rivoluzione soft

In Finlandia è aperta la caccia ai talenti del fashion

aalto2 - La rivoluzione soft
(Photo: Aalto University)

Sembra essere in corso un’invasione nel mondo della moda.
Un’invasione silenziosa, ma convincente.

E questa volta viene da un luogo lontano e forse inaspettato: la Finlandia.

La domanda che ci troviamo davanti è: se fosse proprio la fredda nazione scandinava a rappresentare la novità più interessante della moda futura?

Certo, non è la prima volta che la penisola scandinava si fa notare per il suo gusto riconoscibilissimo, minimale, ricercato e rispettoso dell’ambiente.
È lo “Scandi-style”, come lo chiamano alcune riviste.

Le prima avvisaglie di questa “rivoluzione soft” ci sono arrivate dal tormentone Hygge, la filosofia danese del benessere e del “sentirsi a casa” che ha invaso le librerie di mezzo mondo con manuali e dritte per rivoluzionare il proprio stile di vita.

Si passa poi al tipo di dresscode che da sempre caratterizza questi luoghi: minimalismo, comodità, pulizia di forme e volumi con un tocco d’avanguardia.
È un gusto sempre più apprezzato nel mercato globale della moda, specie in un momento come questo in cui le tematiche dell’ecologia, del risparmio e del rispetto ambientale (sempre care alla Scandinavia) sono al centro dell’agenda di ogni brand del mondo del lusso (e non solo).

mmod - La rivoluzione soft
(Photo: Eeva Suutari)

A puntare gli occhi in particolare sulla Finlandia si era iniziato già dall’inizio di quest’anno, quando, in occasione di Pitti Uomo a Firenze, questa nazione ha potuto godere di un focus tutto suo.

Dopo il progetto Guest Nation del 2018, nell’edizione 2019 di Pitti è stato il designer finnico Rolf Ekroth a tener alta la bandiera del suo paese, proponendo la sua collezione e rilanciando il leggendario marchio finlandese Terenit (da lui stesso acquistato).

Con accanto la Svezia, potenza economica non indifferente e culla di una fervente industria tessile, la Finlandia sembra essere rimasta per diverso tempo nell’ombra. 
Ma le cose forse stanno per cambiare.

I primi ad accorgersene sembrano essere i talent scout del settore, come per esempio i grandi nomi di LVMH, holding francese capitanata da Bernard Arnault e proprietaria di brand del mondo del lusso del calibro di Christian Dior, Bulgari, Fendi, Céline, Louis Vuitton e molti altri.

Qual è il punto di forza della Finlandia, che spinge addirittura i pezzi grossi del settore moda a cercare proprio lì i nuovi talenti?

Tutto inizia da una buona educazione. E in Finlandia questa non manca.

Ha infatti sede a Helsinki la Aalto University, una fra le migliori facoltà al mondo per quanto riguarda i campi del design e in particolare del fashion design. Una scuola così importante da aver trasformato il punto focale di tutto l’anno per appassionati e professionisti del fashion: non più la Fashion Week (come accade per le altre capitali scandinave), ma bensì Näytös, la sfilata di fine anno in cui i laureandi presentano le loro collezioni.

aalto1 - La rivoluzione soft
(Photo: Eeva Suutari)

Questa occasione, non una semplice sfilata ma una vera e propria rassegna con talk tenuti da esperti del settore e svariate presentazioni, ha visto negli ultimi tempi il verificarsi di un incremento deciso dell’interesse del resto dell’Europa verso i nuovi talenti e trend locali.

Merito anche dei numerosi premi vinti in diversi concorsi internazionali, i laureandi della Aalto sono i candidati in prima fila per il posto di stagista presso case di moda come Saint Laurent o Rick Owens. 

Questa fuga di giovani neo-laureati comporta però un problema per l’industria della moda finlandese: con i suoi giovani talenti lontani e inseriti nelle più forti case di moda parigine, è difficile riuscire a costruire un’industria locale che possa arrivare ad affiancare quella svedese o avvicinarsi a quella italiana.

Se in Svezia infatti il settore moda è ormai avviato e in crescita, in Finlandia si trova ancora ad uno stato embrionale ed è per questo che diventa fondamentale per i giovani ricevere i giusti incentivi per poter lavorare e far fruttare il proprio talento lì nella loro patria.

aalto3 - La rivoluzione soft
(Photo: Eeva Suutari)

L’esempio di Rolf Ekroth, lui stesso laureato alla Aalto University e che da quest’ultima ha ricevuto i fondi per avviare i suoi progetti nel campo fashion, sembra destinato a non rimanere un caso isolato e anzi aprire la strada a nuovi brand e giovani creativi che andranno a costruire un nuovo impero della moda Made in Finland.

Con brand emergenti come Nomen Nescio, ensaemble e Mannisto, i nomi da tenere sotto osservazione sembrano essere diversi secondo gli stilisti e gli editor di tutto il mondo.
La curiosità aumenta e la domanda è una sola: che sia pronta a sorgere una nuova alba sulla fredda Finlandia?

 

 

Crea la tua linea di moda!

Siamo la prima trend library tutta italiana che ti offre una panoramica dettagliata delle prossime tendenze fashion.
Se ti iscrivi subito, potrai usufruire di una prova gratuita di 24 ore.
Inizia la prova gratuita