Légion d’Honneur per Maria Grazia Chiuri

La stilista che osserva la modernità rimanendo se stessa.

Il 1° di luglio è stata scritta una pagina importantissima di vita per una delle più grandi stiliste italiane del momento.

Di chi stiamo parlando?
Precisamente di Maria Grazia Chiuri, direttrice creativa di Dior, che ha ricevuto, tra le lacrime di commozione, la più alta onorificenza della Repubblica Francese: la Legion d’Honneur.

Un traguardo che la ricompensa per la passione e l’impegno con cui la stilista sta continuando a portare avanti uno dei brand simbolo del prestigio della Francia, facendosi baluardo di una visione creativa della moda e della haute couture.

Ma com’è arrivata fin qui la prima donna italiana a ricevere questa prestigiosa onorificenza?

La sua storia inizia a Roma, dove la mamma di Maria Grazia possiede un piccolo negozio di sartoria, che si trasformerà ben presto nel paese delle meraviglie in cui questa bambina inizierà a studiare e ammirare con passione capi, scarpe e accessori.

Proprio in quel nascondiglio magico Maria Grazia inizia a disegnare e disegnare, finché, nel 1989, c’è una prima grande svolta nella sua vita: viene assunta da Fendi per occuparsi degli accessori, campo che avrà poi il merito di rilanciare il marchio nel mercato.

Ma questo è solo l’inizio di una strada che la porterà sulla rotta di alcune delle figure più importanti del settore fashion.

Nel 1990 scrive il suo nome su un cartello per farsi riconoscere e si reca in stazione a prendere un uomo a lei sconosciuto per fare un favore a un amico.

(Photo: Peter Lindbergh)

Quell’uomo è Pierpaolo Piccioli, ora direttore creativo di Valentino. Insieme i due costruiranno una grande amicizia, dandosi man forte nell’opporsi al trend minimalista del tempo in favore di raffinatezza e stile.

La storia dei due in casa Valentino inizia nel 1999, quando insieme rinnovano totalmente la linea di borse e occhiali da sole.
La carriera di Maria Grazie continua la sua impennata, vedendola da prima a capo della seconda linea del marchio (Red Valentino) e in un secondo momento ideatrice di Valentino Rockstud, la collezione di accessori decorati con piccole borchie che da subito si profila come must-have di tutte le fashioniste del mondo.

L’approdo alla maison Dior arriva nel 2016, anno che segnerà l’inizio di qualcosa di straordinario: Maria Grazia Chiuri è la prima donna a capo della celebre casa di moda francese.

La sua direzione rappresenta il rilancio della ricca gamma di prodotti che il brand propone, dalla couture al beauty, sempre sotto il segno della modernità, che la designer osserva attraverso i giovani occhi della figlia.

L’indole pragmatica e combattiva la portano a un desiderio di rottura, di novità: rompere il silenzio a volte troppo assordante e accendere i riflettori sul tema del “women’s empowerment”, incoraggiando (anche tramite le sue statement t-shirt) le donne a lottare ed emergere.

La sua visione di una donna elegante, moderna, perfettamente inserita nel suo tempo ma anche nei codici della maison, è ciò che le è valso la Legione d’Onore.
Il riconoscimento giusto e meritato per una professionista tutta d’un pezzo, una donna tra le altre donne, che porta avanti con loro e per loro i valori ai quali è sempre rimasta fedele: passione e volontà, messaggi fondamentali da trasmettere, anche attraverso i capi, a tutte le giovani donne di domani.

Vuoi rimanere in contatto con noi?

All'interno troverai video, consigli e tendenze di moda a tua completa disposizione!