Gli show della Paris Fashion Week P/E 22

A Parigi, scopriamo una fashion week che va da show innovativi a grandi celebrazioni

pfw pe 22 - Gli show della Paris Fashion Week P/E 22
Una modella sfila in passerella per la collezione P/E 22 di Saint Laurent (Photo: Arnold Jerocki/Getty Images)

Dopo le settimane della moda di New York, Londra e Milano, è arrivato il turno della quarta capitale della moda: Parigi. Qui, nella Ville Lumière, si sono appena concluse le ultime sfilate dedicate alle collezioni Primavera/Estate 2022, che (come per le fashion week precedenti) sono potute in gran parte ritornare ai classici show fisici.

miu miu pe 22 - Gli show della Paris Fashion Week P/E 22
La collezione P/E 22 presentata da Miu Miu alla Fashion Week parigina (Photo: D.it)

Miu Miu

Si chiama “Basic Insincts” la collezione Primavera/Estate 2022 presentata da Miu Miu durante la Paris Fashion Week, una collezione che trasforma forme già esistenti con un’operazione di riduzione che vede al suo centro tagli netti senza frivolezze.

Il fashion show, presentato all’interno del Palais d’Iena, prende vita in un set trasformato dall’artista marocchina Meriem Bennani in un luogo/osservatorio delle reazioni umane, nel quale la passerella si snoda come un serpente fra le sedute che gli architetti Charles e Ray Eams hanno progettato per gli uffici.

L’idea della Bennani, incentrata sull’esplorazione delle relazioni intime attraverso l’obiettivo, si sovrappone ad un altro rapporto di reciprocità: quello tra donne e moda. L’artista assume il controllo del live stream del brand attraverso una serie di interventi filmici (nei quali la protagonista è proprio la sua stessa madre) pensati appositamente per accompagnare la collezione. Sono sequenze fantastiche che si mescolano in tempo reale alla della sfilata, assottigliando i confini tra reale e virtuale.

Per la Primavera/Estate 22 di Miu Miu, Miuccia Prada torna all’essenza del guardaroba e lo fa portando in passerella elementi base come pantaloni, maglioni, camicie, blazer, completi e tubini: gli archetipi assoluti dell’abbigliamento di tutti i giorni.

Ciò che li reinterpreta è un nuovo equilibrio di proporzioni, ottenuto attraverso tagli netti che mantengono la credibilità di ogni capo ma ne modificano il rapporto con il corpo.

Tra i protagonisti assoluti dello show, troviamo minigonne a vita bassissima, pantaloni tagliati fino a diventare gonne accorciate e maglioni o camicie sagomati in modo tale da rivelare il corpo. La costante però sono i bordi non sono rifiniti, orli sfilacciati come fossero incompleti: un effetto voluto, parte di un processo di costruzione dei capi che vuole comunicare proprio la spontaneità dietro all’azione del taglio netto.

Miuccia Prada porta in passerella ragazze dall’anima un po’ tomboy, che in abbinamento alle minigonne indossano calzette maschili infilate in kitten heels iper femminili o nelle nuovissime sneakers in denim sfilacciato (frutto della collaborazione con New Balance, in linea con lo stile non rifinito della collezione).

Dai pantaloni (anch’essi a vita bassissima) si intravede l’intimo logato, mentre la maglieria over o micro è percorsa da trecce e intervallata da crop top. Ma non manca l’abbigliamento da sera, come gli abiti e i completi impreziositi da ricami o gli abiti da cocktail di raso coperti da gocce di cristalli -vera signature di Miu Miu.

Importante anche l’attenzione posta da Miu Miu sui materiali: quelli utilizzati per l’allestimento dello show troveranno un nuovo scopo dopo l’evento grazie a La Reserve des Arts, un’associazione che offre un servizio di raccolta e recupero dei materiali grezzi o degli scarti mettendoli a disposizione di professionisti o studenti del settore culturale.

 

az factory - Gli show della Paris Fashion Week P/E 22
Il fashion show dedicato al designer Alber Elbaz chiude la Paris Fashion Week (Photo: Lucas Barioulet/AFP via Getty Images)

AZ Factory

Anche se spesso il mondo della moda viene immaginato come un campo dove l’eterna competizione prevale su tutto, a chiudere la fashion week parigina è stato un evento che dimostra tutt’altro.
Ben 45 designer si sono uniti per uno show indimenticabile: al Carreau Du Temple è andata in scena la sfilata speciale in onore del compianto designer Alber Elbaz, scomparso lo scorso aprile a soli 59 anni a causa del Covid-19.

Sotto l’evocativo titolo“Love Brings Love”, le maison e gli stilisti più grandi del panorama moda contemporaneo hanno messo da parte ogni presunta rivalità per proporre in passerella le proprie reintepretazioni dei codici di stile, i motivi e gli archetipi portati avanti da Elbaz durante la sua carriera e celebrarne la caratura umana e artistica.

Crea la tua linea di moda!

Siamo la prima trend library tutta italiana che ti offre una panoramica dettagliata delle prossime tendenze fashion.
Se ti iscrivi subito, potrai usufruire di una prova gratuita di 24 ore.
Inizia la prova gratuita